fbpx

Ingredienti problematici: dolci buoni e sani

Nel precedente articolo, abbiamo parlato degli zuccheri alternativi, dell’importanza di utilizzare dolcificanti naturali per godersi serenamente un dolce senza gravare eccessivamente sul corpo danneggiando la salute. E senza creare dipendenza.

Oggi parleremo di come è possibile sostituire tutti quegli ingredienti problematici senza rinunciare alla bontà di un dolce sano e gustoso. Questo articolo è dedicato a tutti gli amanti dei dolci e ai soggetti con intolleranze che, loro malgrado, si ritrovano a dover rinunciare ai latticini o alle uova e cercano un mondo di ricette alternative altrettanto soddisfacenti.

Cominciamo con il ridefinire il significato del termine “dolce sano”: non solo fatto in casa, non solo con ingredienti biologici, ma che impatti in misura minima sulla glicemia (farine poco raffinate o integrali e dolcificanti leggeri) contendo grassi salubri, ma con moderazione e che possieda energie e non indebolente.

Per ridurre la velocità di assorbimento del glucosio è bene garantire, al nostro dolce, il giusto apporto di fibre, utilizzando frutta o verdure, oppure con cereali in chicco o con farina integrale, inserendo grassi salubri come semi oleosi o creme di semi oleosi.

Quindi un dolce privo di grassi di origine animale (latte, burro, uova, formaggi, panna) e grassi vegetali dannosi cosiddetti trans, presenti nella margarina oppure potenzialmente problematici come l’olio di palma.

Privo di farina raffinata (tipo 00): un dolce che contenga lieviti naturali (bicarbonato, cremor tartaro e lievito madre in caso di panificazione), non lieviti chimici e raramente il lievito di birra.

Infine, un dolce sano non contiene zuccheri raffinati come quelli di barbabietola o di canna (eventualmente si usa quello definito “integrale” ma di rado). Ti consiglio di leggere il precedente articolo dove potrai trovare l’elenco dei “dolcificanti alternativi”.

QUALI FARINE UTILIZZARE
Meglio scegliere quelle integrali e semi-integrali. Le diciture “tipo 1” e “tipo 2” indicano la farina semi-integrale: la prima è più raffinata della seconda. In commercio troviamo diversi tipi di farina a seconda del tipo di cereale utilizzato. Molto comuni sono quelle di Farro, Riso, Miglio, Mais, Grano Saraceno, ecc

QUALI GRASSI PREFERIRE
L’Olio di oliva per i dolci da forno. Semi oleosi (noci, nocciole, mandorle, pinoli, ecc) o creme di semi oleosi oppure il tahin, perfetti sia per i dolci da forno che al cucchiaio.

QUALI ADDENSANI e GELIFICANTI UTILIZZARE
Amido di riso; Arrowroot (fecola di Maranta Arundinacea pianta tropicale); Kuzu (amido di Pueraria montala lobata pianta dell’Asia Orientale) molto interessante perché decongestiona e tonifica il tubo digerente, nella macrobiotica si usa per preparare rimedi curativi o per addensare zuppe e vellutate oppure per budini leggeri a base di frutta o per le marmellate; Agar Agar (gelificante ricavato dalle alghe rosse) lubrifica l’intestino favorendo l’evacuazione, rallenta l’assorbimento degli zuccheri ed accelera il metabolismo. Utilizzare meno frequentemente amido di mais e fecola di patate che alzano troppo velocemente la glicemia ed indeboliscono l’intestino.

QUALE BEVANDA VEGETALE SCEGLIERE
In commercio troviamo diverse bevande vegetali derivate dai legumi (soia), dai cereali (riso, avena, miglio, ecc) e dai semi oleosi (mandorla, nocciola). È consigliabile prediligere quelle ricavate dai cereali e dai semi oleosi piuttosto che da un legume come la soia. Quest’ultima è più difficile da digerire. Per quanto riguarda la bevanda di riso, è possibile trovare quella preparata con riso integrale, solitamente indicata come “riso integrale germogliato”.

COME AROMATIZZARE I DOLCI NATURALI
È possibile utilizzare la bacca o polvere di Vaniglia, Cannella, Succo di Zenzero, Anive, Menta, buccia o succo di Limone, di arancia o di mandarino. Rosmarino, Salvia, Lavanda.

Oppure gli Oli Essenziali: Limone, Arancia, Verbene Rosa, a patto che siano per uso alimentare.

Ora, capiamo meglio quando, cosa e come sostituire. È importante chiarire che non dobbiamo necessariamente sostituire tutti gli ingredienti che la tabella di seguito ci elencherà, ma è comunque utile sapere come fare. Per alcuni ingredienti come i latticini, le farine raffinate, il caffè e lo zucchero bianco è effettivamente importante se vogliamo preparare dei dolci sani e leggeri. Per altri, invece, dipende se si presenta o meno la necessità come nel caso delle intolleranze.

Inizia
1
Richiedi la consulenza di un'esperta.
Ciao,
scrivici su WhatsApp e ti ricontatteremo noi.